The Blog

- - in blog

Sono 465 minuti di video di incontro con i pazienti per turno, per un valore di 84 GB

Brown ha identificato molti esempi in cui una med-cam può fornire una visione oggettiva della realtà medica – una sorta di fotogiornalismo migliorato – in cui l’immagine dice la verità. Ma dobbiamo essere pronti a mostrare i nostri comportamenti e le nostre comunicazioni. Dopotutto, ciò che è bene per il paziente dovrebbe essere buono anche per il medico.

Judith Tintinalli, MD, MS è l’Editor-in-Chief di Emergency Physicians Monthly. Una versione di questo articolo è apparsa originariamente su Emergency Physicians Monthly.

Nel mese di marzo, il mensile dei medici di emergenza pubblica quattro articoli sulle telecamere del corpo per il personale del pronto soccorso. Questa è la seconda della serie.

Sono incuriosito dal suggerimento del Dr. Jeremy Brown, ma penso che varrebbe la pena fare alcuni calcoli sul lato tecnico di un programma di cam medica di questo tipo.

Innanzitutto, quanta memoria consumerebbero questi video? Il video girato su un iPhone 4S di 3 anni richiede circa 3 MB al secondo – 180 MB al minuto o un GB ogni 5 minuti circa.

Supponiamo un turno di 12 ore in cui un PE vede tre pazienti all’ora. Supponiamo che tre dei pazienti siano gravemente malati e necessitino, in media, di 45 minuti al posto letto. Supponiamo che ciascuno dei restanti 33 richieda, in media, 10 minuti di tempo faccia a faccia. Sono 465 minuti di video di incontro con i pazienti per turno, per un valore di 84 GB. Un ED di medie dimensioni può avere circa 60 ore di copertura EP al giorno: 420 GB al giorno, 153 TB all’anno. In confronto, una TC consuma in genere 125 MB per studio e i reparti di radiologia generano nell’ordine di 5 TB all’anno negli esami.

Quindi dobbiamo pensare alla creazione di un PACS per gli incontri dei pazienti ED registrati, ma con una capacità 30 volte superiore al PACS di Radiology. Lasceremo che i pazienti ricoverati e ambulatoriali si preoccupino del loro PACS, ma le considerazioni di bilancio solo per l’ED sono sbalorditive.

Successivamente, dobbiamo anche decidere se ogni EP scaricherà manualmente 84 GB di video registrato in un repository centrale alla fine di un turno (un cavo USB 2.0 può trasferire 60 MB al secondo, quindi ci vorranno 23 minuti per doc, per turno). Un’alternativa è aggiornare il WI-FI di ED per gestire l’equivalente dello streaming di venticinque film HD da 90 minuti al giorno.

Niente di tutto questo è impossibile, anche con la tecnologia odierna. Sono sicuro che il mio provider Internet sta offrendo qualcosa di simile al mio condominio a una velocità simile. Ma il mio fornitore di servizi via cavo fallisce regolarmente, fornisce immagini degradate ancora più frequentemente e non inizia ad avvicinarsi alla conformità HIPAA nelle sue trasmissioni di dati. Quindi diciamo solo che il suggerimento del Dr.Brown è implicitamente chiedere a ogni ED negli Stati Uniti di assumere il ruolo aggiuntivo di essere più affidabile e sicuro di qualsiasi attuale provider di Internet wireless. E dobbiamo credere che questo video sarebbe più allettante per gli hacker rispetto a qualsiasi altra forma di dati sanitari, anche se quei dati sono già molto preziosi.

C’è uno studio di Nelson et al. sulla registrazione degli incontri con i pazienti. Si scopre che il 50% non poteva o non voleva acconsentire al video o non soddisfaceva i criteri di inclusione (lamentela grave o genitale). Della restante metà, il 5% non è riuscito a filmare e, in https://harmoniqhealth.com/it/ totale, il 29% del filmato è andato perso. E questo prima di elaborare la logistica del consenso, o abbinare i filmati ai singoli pazienti: una sfida enorme in un DE caotico e affollato. Quindi non supponiamo che questo sarà facile neanche con i documenti.

Ma non voglio essere del tutto pessimista in questa valutazione tecnica. C’è stato un crescente interesse e successo nell’impiego dell’elaborazione del linguaggio naturale per migliorare la creazione di grafici. Alcuni dicono che è vicino il momento in cui gli algoritmi di PNL possono guardare alcuni dei nostri paragrafi di testo libero su una visita di un paziente e dirci quanto siamo vicini al livello 5 di E / M e cosa ci manca. Con i miglioramenti nel riconoscimento vocale, potremmo immaginare di saltare del tutto la fase di scrittura di un paragrafo, se l’incontro fosse stato registrato. Quindi, se il panopticon può porre fine alla tirannia di fare clic sulle caselle di controllo sugli EHR, se può generare grafici fatturabili completi e facili da codificare, sono sicuro che molti documenti ne valuteranno la pena. Diamine, la telecamera potrebbe avere l’effetto sorprendente di incoraggiarci a passare più tempo al capezzale.

Nicholas Genes, MD, PhD è un senior editor presso Emergency Physicians Monthly. Una versione di questo articolo è apparsa originariamente su Emergency Physicians Monthly.

Questo è il primo di una serie in cinque parti distillata da Telemedicine Magazine, una pubblicazione trimestrale che collega i fornitori di servizi sanitari con gli innovatori tecnologici che stanno rivoluzionando il sistema sanitario. Ogni rata si basa su un colloquio con un medico affiliato a uno dei cinque principali fornitori di servizi di telemedicina.

Il dottore: Timothy Howard, MD, è un medico di famiglia certificato dal consiglio di amministrazione e un direttore medico senior presso Teladoc.

Nozioni di base di Teladoc: offrire servizi tramite datori di lavoro e piani sanitari, vanta 12,6 milioni di membri e oltre 2.900 medici certificati dal consiglio e fornitori di salute mentale. La recente IPO ha visto una valutazione di $ 1 miliardo. La partnership con HealthSpot Stations consente ai datori di lavoro di offrire cliniche in loco tramite chioschi privati.

Pretesa di fama: "Fondata nel 2002, Teladoc è il primo e il più grande fornitore di servizi di telemedicina della nazione" – Dal 1 luglio 2015, comunicato stampa

Come hai iniziato?

Era una cartolina che in pratica diceva, "Sei interessato a provare a guadagnare qualche soldo extra come medico?" Sono stato in pratica per 20 anni. Ho detto, vediamo cosa succede. Poi ho capito, oh mio Dio, quello che stiamo facendo per integrare il reddito era effettivamente in grado di sostituirlo. Stavo cercando di mandare i miei figli al college.

Tutti i medici potevano aspettarsi di sostituire il proprio reddito praticando la telemedicina?

No. È diverso per ogni individuo.

C’è stata una formazione logistica?

Dobbiamo esaminare come fare un consulto. Logisticamente, come funziona il loro sito web. Hai qualcuno assegnato a te nello staff che ti guida attraverso questo.

Le tue consulenze costano $ 40 a visita?

È tutto. Quando faccio un consulto, ne ricevo una parte. Molte compagnie industriali e assicurative ne sottoscriveranno molte. La grande maggioranza dei pazienti finisce per pagare $ 5 a $ 10.

Com’è stato il tuo primo video consulto?

Avevo un figlio a Barcellona che studiava all’estero e usavamo molto Skype. Non era niente di sconvolgente.

Com’era il tuo livello di fiducia?

Comprendi che, poiché togli l’esame fisico, devi usare molto di più le tue capacità di ascolto. L’ho imparato molto tempo fa mentre ero di guardia. Ascolti come si imbattono. C’è panico nella loro voce? E poi basalo su ciò che stai ascoltando, per quanto riguarda i loro sintomi.

Sarebbe ipocrita per noi dire che vogliamo che il paziente stia con il loro medico di base e poi dire che vogliamo che tu usi il nostro servizio ancora e ancora con questo particolare medico.

Mantieni rapporti costanti con i pazienti?

Sarebbe ipocrita da parte nostra dire che vogliamo che il paziente stia con il loro medico di base e poi diciamo che vogliamo che tu usi il nostro servizio ancora e ancora con questo particolare medico.

Ultimo aggiornamento 3 febbraio 2016

The Doctor: Aditi Joshi, MD, è certificata in medicina d’urgenza ed esercita a tempo pieno con Doctor on Demand.

Nozioni di base di Doctor on Demand: Fornire servizi diretti al consumatore e aziendali, nonché visite in rete per UnitedHealthcare; ha più di 1.400 medici. È co-fondato da Phil McGraw, MD, e sostenuto da Google.

Pretesa di fama: "Per i nostri servizi di assistenza urgente, abbiamo oltre 1.400 medici di base nel personale, rendendoci il più grande fornitore di servizi di telemedicina nel paese." – Post del blog del 20 novembre 2014

Raccontami della tua prima visita.

Guardando un paziente e parlando con lui, ci sono voluti solo 30 secondi per realizzare, ok, è proprio come se parlassi con un paziente.

È stata una transizione graduale?

Sì. Ho seguito una formazione online con il CEO Adam Jackson. Offriremo suggerimenti, "Ehi, forse dovremmo provare questo." Ho visto il cambio di piattaforma e ho apportato piccole modifiche che hanno davvero aiutato.

Come vieni compensato?

Siamo pagati per paziente. Tuttavia, se il numero di pazienti è basso, come era all’inizio, esiste una tariffa base oraria.

Hai dovuto imparare a sentirti a tuo agio nel fornire cure mediche con facoltà limitate?

Si tratta più di essere onesti sui limiti. Lo dirò ai pazienti, "Non riesco ad ascoltare i tuoi polmoni, quindi se hai questo sintomo o ti senti a disagio, devi andare a controllare." Essere molto onesti con loro li fa sentire a proprio agio.

E il dolore addominale?

Se hanno a disposizione un membro della famiglia – molte volte lo fanno – chiederò al membro della famiglia di appoggiarli e palparli per me. Chiedere dov’è il dolore e dove fa male quando spingono mi dice molto. Ovviamente, se si tratta di un’area che mi preoccupa di più, dirò, "Questo è qualcosa di serio, devi andare a un pronto soccorso o un pronto soccorso per ottenere un esame addominale completo.

Con che frequenza mandi le persone al pronto soccorso?

Solo una manciata di volte. C’era un signore di sessant’anni che soffriva di mancanza di respiro e dolore al petto. Gliel’ho detto, "Devi chiamare subito un’ambulanza." A volte le persone hanno solo bisogno di informazioni. È abbastanza grave che devo andare in ospedale? Le persone mi chiameranno e diranno, "Ho cercato su Google. È la SLA?"

Le consultazioni online sono più spesso una comodità o una necessità per i pazienti?

Più del primo. Ho avuto persone che aspettavano nelle loro auto o nella sala d’attesa di cure urgenti e diranno, "L’attesa qui è di quattro ore. Mi potete aiutare?"

I pazienti cercano la connessione più umana possibile?

Quelli che chiamano e hanno paura di qualcosa o hanno ricevuto una diagnosi e chiedono una seconda opinione – lo sono. Se qualcuno sa cosa ha e ha bisogno di una prescrizione, non necessariamente. Ma stanno cercando una sorta di compassione. Ognuno è.

Mantieni rapporti costanti con i pazienti?

Ci sono alcuni pazienti che ho visto 3 o 4 volte. La maggior parte di loro mi chiama per questioni urgenti.